» Apple mette al sicuro i brevetti di iPhone 6 per difendersi da Samsung

Apple mette al sicuro i brevetti di iPhone 6 per difendersi da Samsung


, in Concorrenza
9 Febbraio 2015 0 commenti

Il nuovo Galaxy S6, che Samsung presenterà all’inizio di marzo durante il World Mobile Congress di Barcellona, potrebbe prendere ispirazione dal […]

Il nuovo Galaxy S6, che Samsung presenterà all’inizio di marzo durante il World Mobile Congress di Barcellona, potrebbe prendere ispirazione dal design di iPhone 6. Apple intanto ha già messo al sicuro nove brevetti relativi al design del suo dispositivo, in modo da poter lanciare un nuovo attacco legale contro i coreani e poter difendere il design di Cupertino sul mercato cinese.
Galaxy s6
Il “Korea Times”, quotidiano sudcoreano, lo aveva già scritto: Galaxy S6, il nuovo smartphone di punta di Samsung, assomiglierà all’iPhone 6, con una cornice in metallo che potrebbe richiamare il design dei device della Mela. A confermare in parte questi rumor sono giunte, pochi giorni fa, le prime immagini della scocca del Galaxy S6, che sembrano indicare, però, un design a metà fra quello di iPhone 5 e iPhone 6 e quello un po’ più datato del Samsung Galaxy SII.

L’aspetto del nuovo Galaxy S6 lo sveleranno a Barcellona fra poco meno di un mese. Nel frattempo, però, l’ufficio brevetti cinese ha approvato nove richieste avanzate da Apple per sigillare legalmente tutti gli elementi di design dell’iPhone 6, dalla forma degli angoli all’aspetto complessivo del dispositivo.

Il mercato della Repubblica Popolare abbonda di cloni, mentre grandi produttori a livello globale come Xiaomi o Lenovo si ispirano senza troppi problemi a design e marketing di Cupertino per realizzare e commercializzare smartphone che non usciranno dal confine. I nove brevetti cinesi sull’iPhone 6 potrebbero servire tuttalpiù a rafforzare la posizione legale di Apple in un mercato di importanza strategica sempre crescente, al secondo posto rispetto a quello americano per numero di iPhone venduti durante l’ultimo trimestre del 2014, ma in cui la protezione della proprietà intellettuale rimane ancora un problema.



Tags: , ,