» Apple sotto accusa: poco spazio di archiviazione con iOS 8

Apple sotto accusa: poco spazio di archiviazione con iOS 8


, in Approfondimenti
3 Gennaio 2015 0 commenti

Apple è di nuovo al centro di una class action negli Stati Uniti con l’accusa di aver ridotto la quantità […]

Apple è di nuovo al centro di una class action negli Stati Uniti con l’accusa di aver ridotto la quantità di memoria sui modelli più vecchi di iPhone (e altri dispositivi iOS) a seguito dell’aggiornamento a iOS 8, che occuperebbe dunque fino al 23,1% della capacità di archiviazione pubblicizzata sui dispositivi Apple.

iOS-7-teaser-iPhone-5c-ad-007

La causa sosterrebbe che Apple “non informa gli utenti di quanto storage il suo nuovo sistema operativo occuperà” e che gli utenti siano stati indotti a comprare più spazio di cloud storage tramite il proprio servizio iCloud.

Le note di reclamo “variano a seconda del dispositivo. I consumatori che installano iOS 8 presumibilmente ricevono sostanzialmente meno memoria rispetto a quanto pubblicizzato, che va dal 18,1% per iPhone 5s fino al 23,1% per l’iPod. L’utilizzo di queste tattiche commerciali sleali, come la meno capacità di memorizzazione di quanto pubblicizzato, serve solo per vendere”, viene spiegato nel testo di denuncia. 9to5Mac osserva poi che Apple non mette in evidenza che lo spazio effettivo di memorizzazione dei dispositivi formattati che vende potrebbe essere inferiore a quella dichiarata e “la maggior parte dei consumatori non ne sono consapevoli”.

Anche i produttori di telefoni Android sono stati in passato accusati di false dichiarazioni simili, in quanto oltre alla memoria occupata dal sistema operativo di base sul dispositivo bisogna aggiungere anche lo spazio per le personalizzazioni dell’interfaccia utente, che occupa una parte importante della memoria del telefono. Samsung nel 2013 ha dovuto difendersi dalle accuse secondo le quali il modello Galaxy S4 16gb aveva solo 8,82gb di spazio di archiviazione integrato per gli utenti.



Tags: , , ,