» Da BlackBerry arriva il primo smartphone in grado di autodistruggersi

Da BlackBerry arriva il primo smartphone in grado di autodistruggersi


, in Concorrenza
23 Dicembre 2014 0 commenti

Siamo lieti di annunciare che Boeing sta collaborando con BlackBerry per realizzare una soluzione sicura per i dispositivi Android che […]

Siamo lieti di annunciare che Boeing sta collaborando con BlackBerry per realizzare una soluzione sicura per i dispositivi Android che faccia uso della nostra piattaforma BES 12.

Sono state queste le parole dichiarate da John Chen, amministratore delegato dell’azienda canadese BlackBerry, per presentare il nuovo smartphone BlackBerry, che, primo in assoluto sul mercato, in caso di manomissione sarà in grado di autodistruggersi.

black boeing

Si tratta del nuovissimo Boeing-Black, ancora in fase di sviluppo, ma che sta già facendo molto parlare di sé. Basato su una piattaforma Android ad alta sicurezza, il sistema del nuovissimo smartphone BlackBerry Boeing-Black è gestito dal protocollo Boeing Secure, pertanto se qualcuno non autorizzato cercasse di forzarlo, la memoria si cancellerebbe immediatamente in modo automatico. Il particolare dispositivo brevettato dalla Boeing sarà in grado non solo di rispettare i più alti standard di sicurezza, ma anche di preservare da occhi indiscreti di ladri e hacker informazioni fondamentali e particolarmente sensibili, grazie alla possibilità di autodistruggere i file quando necessario.

Particolarmente indicato per i politici e gli agenti governativi, il nuovo smartphone servirà soprattutto a chi lavora con informazioni riservate in mobilità che, nel caso finissero nelle mani sbagliate, potrebbero causare seri danni internazionali: è il caso, ad esempio, delle azioni di hacking alla Sony che hanno sconvolto il panorama cinematografico e non solo.

Boeing-Black sarà inoltre dotato di due schede e potrà collegarsi con sensori e satelliti. Non è ancora dato sapere quando arriverà il dispositivo, ma lo stesso Chen lo ha annunciato come novità del 2015 e sarà quindi plausibile vederlo entro i prossimi dodici mesi.



Tags: , , ,